NEWS

12.09.2014

UN'OASI DI PROTEZIONE DALLA CACCIA NEL PARCO

Istituita Oasi di Protezione di circa 20 ettari comprendente la Vasca Volano di Agrate.

Domenica 21 settembre riapre ufficialmente la caccia, nel Parco del Molgora, in tutti i PLIS, ma anche in alcuni Parchi regionali come ad esempio il Parco Agricolo Sud Milano (volendo restare alla sola Lombardia). Non possiamo dire che la notizia sia per noi delle migliori; pur con tutto il rispetto delle normative che la consentono e consapevoli che i cacciatori pagano fior di quattrini per il loro tesseramento, rimangono i palesi controsensi che il Parco del Molgora ha cercato di evidenziare facendo formali osservazioni ai Piani Faunistici Venatori (PFV) delle Province di Monza e Brianza e Milano.

 

Gli aspetti di contrasto, a ben vedere, non riguardano principalmente la fauna, ma quelli fruitivi: gli sforzi per valorizzare la fruizione e il turismo locale non possono che risentirne, nonostante che tali sforzi siano una mission specificatamente indicata da Regione e Province (nell'istituzione e nel riconoscimento dell'"istituto" PLIS).

 

Dall'apertuta fino al 31 gennaio di ogni anno, iniziative divulgative e uscite con le scolareche devono subire delle forti limitazioni (tranne i martedì, il venerdì e dal tramonto a un'ora prima dell'alba). Ricordiamo che cittadini e studenti che partecipano ad inziative e uscite del Parco del Molgora sono annualmente 3-4000 mila; senza contare i cittadini che liberamente si "riappropriano" del territorio percorrendo i sentieri del Parco, e che sono per oltre quattro mesi all'anno "scacciati" dalla caccia.

 

Questo ci pare abbastanza ovvio in aree con una così forte densità abitativa (oltre 2000 ab./kmq sia in Provincia di Monza e Brianza che di Milano). Ricordiamo ad esempio che gli abitanti in Provincia di Monza e Brianza sono oltre 860.000, mentre i cacciatori residenti tesserati (attivi e non) sono circa (dati PFV 2011/12) 2.300 (cioè più o meno la metà dei fruitori del solo territorio del Parco, considerando unicamente quelli "guidati").

 

Ha senso dunque che le Province, potendo scegliere di tutelare tra il 20 e il 30% del territorio "agricolo" in base alle normative regionali, si attestino costantemente ogni cinque anni (tanto dura il Piano Faunistico Venatorio) su percentuali massime del 20,2% (20,0% in Provincia di Milano) anche in aree così densamente popolate? Ai posteri l'ardua sentenza. Ci sembra giusto quanto meno informare i cittadini che spesso ci scrivono chiedendo come mai si può cacciare nel Parco del Molgora.

 

Le diverse e puntuali osservazioni del Parco ai piani faunistici venatori, che chiedevano in diversa forma di limitare la caccia nel Parco, sono state tutte respinte; forse andrà meglio tra qualche anno se ci sarà una maggior consapevolezza di tutti, cittadini compresi, delle problematiche in atto. In attesa di capire chi avrà competenze sulla caccia con il riordino delle Province.

 

Nota sicuramente positiva è però l'istituzione dell'Oasi di Protezione "Agrate", riconosciuta a seguito di istanza alla Provincia di Monza e Brianza del Comune di Agrate Brianza, proprietario dell'area denominata "Vasca Volano", in collaborazione con il Parco del Molgora (al tempo delle osservazioni la zona non era ancora ufficialmente dentro il Parco); l'area comunale, di circa 5 ettari, dalle notevoli valenze naturalistiche soprattutto per gli uccelli, presentava in effetti già una recinzione che ne impediva l'accesso (era quindi era di fatto un fondo chiuso). La positività stà nell'inclusione di una fascia di rispetto che porta la supeficie protetta a circa 20 ettari, ma anche nello stesso riconoscimento formale quale oasi di protezione: questo dovrebbe limitare la frequentazione di cacciatori poco rispettosi delle normative (ci sono cacciatori coscenziosi e con passione degna di rispetto e purtroppo altri un po' meno virtuosi) che spesso si intrufolavano nell'area comunale lasciando poco piacevoli "segni" del loro passaggio.

 

COMUNI

  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
con il contributo di